Auricoloterapia

auricoloterapia

Un’altra tecnica che a seconda dei casi viene utilizzata durante una seduta di Tuina è l’Auricoloterapia. Questa tecnica non utilizza i meridiani dell’agopuntura ma è una tecnica che sfrutta le proprietà riflesse del padiglione auricolare, rese possibili grazie alla ricchezza di connessioni nervose dell’orecchio e alla sua importante vascolarizzazione.

L’auricoloterapia è così un efficace strumento per trattare il dolore acuto, i disturbi funzionali, le dipendenze (per esempio il tabacco).  A differenza dell’agopuntura, l’auricoloterapia non si basa sui concetti di meridiani e di energia, ma sottolinea invece la stretta relazione tra l’orecchio e il sistema nervoso centrale.

L’orecchio è collegato al cervello tramite una rete di molteplici innervazioni:
– Ramo auricolo-temporale del nervo trigemino (V)
– Ramo auricolare posteriore del nervo facciale (VII)
– Ramo misto dei nervi vago (X) e glossofaringeo (IX)

Ogni punto del padiglione forma un minuscolo complesso neuro vascolare, attraverso il quale avviene un continuo scambio di informazioni tra orecchio, cervello e organi.

Attraverso l’orecchio si può osservare l’uomo nel funzionamento dei suoi meccanismi e riuscire a valutare costantemente le sue difformità. Questo è possibile perché il corpo invia costantemente messaggi alla periferia e quindi dalla periferia si può agire sul corpo. La cosa sorprendente è che l’orecchio è sede di indagine e contemporaneamente di trattamento, per questo motivo la Riflessologia Auricolare è una pratica calzata sulla persona.

Il massaggio Tuina comprende l’utilizzo di altre tecniche associate quali Coppettazione e Moxibustione.

I campi con asterisco (*) sono obbligatori

//]]>