Moxibustione

Trattamento Moxa

La moxibustione è il trattamento dei punti di agopuntura con degli appositi sigari di artemisia.Il termine moxa (termine giapponese Moe Kusa che significa erba che brucia) si riferisce alla sostanza impiegata per effettuare la moxibustione, tecnica che consiste nel riscaldamento di aree cutanee, sovrastanti punti di agopuntura o percorsi energetici. L’erba che viene utilizzata è l’Artemisa Vulgaris (Assenzio cinese), perché emette una frequenza all’infrarosso adeguata (la temperatura raggiunge i 600°C), la quale non brucia ne troppo velocemente ne troppo lentamente.

L’applicazione è teoricamente identica a quella dell’agopuntura, si basa sugli stessi principi fondamentali e sugli stessi punti. La moxibustione è, come le altre pratiche della medicina cinese, di antichissima origine e di essa si parla già in un libro di seta, rinvenuto presso le tombe di Mawangdui appartenute alla famiglia Li Zang, risalente al II-I secolo a.C. In seguito moltissime altre pubblicazioni magnificarono le potenzialità della moxibustione, sostenendo soprattutto che la moxibustione agisce maggiormente nelle fasi croniche delle malattie nelle quali vi sia forte insediamento del freddo all’interno del corpo, o qualora altri trattamenti abbiano fallito.

A tutt’oggi questa tecnica millenaria viene utilizzata con esiti positivi in Cina negli ospedali dove si pratica la Medicina Tradizionale Cinese (MTC).

Per quanto riguarda la mia esperienza personale come terapista, devo sottolineare prima di tutto l’aspetto non invasivo della tecnica, in secondo luogo la piacevole sensazione dovuta al calore che penetra lentamente in profondità e mette il soggetto trattato in una condizione di rilassamento psicofisico, cosa fondamentale per ottenere risultati soddisfacenti. Non esiste nessun fenomeno di assuefazione alla moxa, perché questa pratica aiuta semplicemente il corpo a ritrovare il proprio equilibrio.

Il massaggio Tuina comprende l’utilizzo di altre tecniche associate quali Coppettazione e Auricoloterapia.

I campi con asterisco (*) sono obbligatori

//]]>